Spirito, anima e corpo: il segreto della spagyria

Spirito, anima e corpo: il segreto della spagyria

thalchimia

La spagiria é l’applicazione dell’Arte Alchemica, nella preparazione di tinture vegetali o metalliche, e nella preparazione di spiriti e mestrui. La medicina spagirica é, quindi, l’arte di separare la materia sottile, o l’energia, dalla materia propriamente detta, di provocare un’evoluzione della materia per purificarla ed esaltarla, cosa impossibile senza lunghe e complesse operazioni, che alcuni vecchi autori non hanno mai rivelato apertamente…Da qui il suo nome: spao, che in greco significa “separare” e ageiro, “ricongiungere”, “associare” o “unire”. Il processo di ottenimento dei rimedi spagirici é basato sull’opera del medico svizzero Paracelso (1493-1541), ritenuto l’iniziatore della spagiria.

Le preparazioni spagiriche sono basate sui processi naturali della Generazione Universale, attraverso la quale si può estrarre dalla materia la sua quintessenza, la cui costituzione può essere esaltata. Questa energia sottile, una volta liberata da sostanze minerali, vegetali o animali, può integrarsi all’energia tipica dell’uomo.

L’energia sottile é intelligente, essa possiede l’intelligenza della natura. L’intelligenza dell’energia però non é in alcun modo paragonabile alla ragione umana; sarebbe più opportuno definirla come conoscenza silenziosa, termine che indica una forma di conoscenza immediata e diretta, che non necessita di parole e ragionamenti, spesso fallaci. Inoltre l’intelligenza dell’energia sottile é distaccata ed impersonale.
L’energia alchemica é un distillato dell’energia naturale; essa é pertanto anche un distillato dell’intelligenza presente nell’energia naturale. Allineare la mente con l’intelligenza silenziosa dell’energia alchemica é dunque un risultato iniziatico di grande valore.

L’alchimista concepisce la malattia come uno squilibrio vibratorio fra le cellule del cervello e l’organismo. L’uomo puro di cuore comunica con il sacro. Egli dunque non é malato. Tuttavia l’alchimia ammette le debolezze umane e concede a chi é generoso di trovare il mezzo per guarire. La medicina alchemica poggia sul potenziale delle forze di difesa dell’organismo, ha fiducia nell’uomo e nei suoi potenziali di guarigione.

Paracelso sottolineava il fatto che assumere un rimedio spagirico significa fare una sorta di “seduta psicoterapeutica” e a distanza di secoli Jung, nella sua opera “psicologia e alchimia”, individuò in quest’ultima un mezzo per il raggiungimento del sè, ovvero del più alto livello di coscienza. Questo poichè la quintessenza non è altro che l’informazione, avviene un dialogo vibratorio in tutti i piani che compongono l’uomo: lo spirito, l’anima e il corpo.

Nell’uomo sano le forze dense e sottili sono in perfetto equilibrio e la malattia interviene quando tale equilibrio é spezzato. La malattia dipenderebbe dunque da squilibri energetici che si manifestano solo in un secondo momento anche sul piano fisico. Per curare la malattia é dunque necessario agire innanzitutto sulle parti più sottili dell’uomo. La parola è anch’essa energia (Hado) vibratoria, come ha dimostrato Masaro Emoto e una parola bene-detta lavora con una forza sorprendente.
Oggi i rimedi spagirici vengono apprezzati come efficaci terapie dolci. Possono essere usati con successo anche in combinazione ad altri medicamenti perché non provocano alcun effetto secondario e accelerano notevolmente il processo di guarigione.

alchimia   SAPIL e SPAGILON

No Comments Yet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *