Elena Fabris

_DSC2883-

La vita di femmina è un fiume rosso che la donna dona alla terra o custodisce per sè.
Sono ostetrica perchè amo e rispetto il Rosso in ogni fase di vita.


 

Mi chiamo Elena e non ho scelto di fare l’ostetrica, ho scelto di ESSERE ostetrica.

Questo lungo percorso, tutt’ora in divenire, parte da una formazione Accademica a Padova, ma nasce veramente con la consapevolezza di volere di più.

Infatti, delusa da una carriera universitaria con splendidi voti ma con troppi vuoti emotivi, decido di rinnovare la mia formazione accantonando l’ostetricia classica (fatta di patologia, di farmacologia e medicalizzazione) riscoprendo, invece, L’ARTE OSTETRICA. Non potevo sapere che i nuovi contenuti e le nuove pratiche acquisite con numerosi corsi fìdi formazione avrebbero, poco per volta, con gentilezza ma anche equilibrato conflitto, colorato la mia anima accompagnandomi ad un femminile fino ad allora inesplorato.

Mi specializzo in sessuologia presso A.I.S.P.A. di Milano diventando Consulente sessuale.
Svolgo l’attività di docente nella scuola di Counselling in dinamiche relazionali “to Mind s.r.l.”
Partecipo a moduli formativi di alto livello, seminari, convegni, tavole rotonde e mi accorgo sempre più di quanto ampio sia il terreno di competenza ostetrica.
Frequento la S.E.A.O. di Firenze (Scuola Elementale di Arte Ostetrica) perfezionando lo studio del movimento, della prevenzione, della riabilitazione del perineo e del ciclo di vita femminile; gli esami e la diagnostica in gravidanza; la midwifery care…

Realizzo presto che la formula che mi permette di essere pienamente al servizio della salute e della cura è quella dell’ostetrica libera professionista e, ancor meglio, come volontaria in Associazione DoraLuce.

A diretto contatto con la persona, assistendo con continuità donne/famiglie/coppie (alle volte nei mesi..ma anche anni) riscopro l’inestimabile valore sociale di una professione che necessita di un solo, vero ingrediente: amore per la vita.

L’Amore è uno, unico e solo; è nel divino disegno. Quello che sento di esser chiamata a fare nel mio quotidiano anche professionale è proprio AMARE nella misura in cui quel Dio-Amore insegna, seppur con il limite di una donna terrena:

amare la vita, amare la diversità uomo donna, amare le vedute differenti, amare il servizio, amare la natura e onorarne il RISPETTO.

Finalmente innamorata della professione, torno a fare il mestiere dell’ostetrica condotta, quella che ha fatto nascere i nostri nonni o genitori e che ha custodito la salute di generazioni di donne. Il mestiere antico è ora sposato con la medicina delle evidenze scientifiche, con quella non convenzionale e con la medicina del cuore.

…così, appena giunta a questa maturazione interioire e professionale, la maternità gonfia il mio grembo e un figlio mi sceglie per madre: la sua!

Il 10 Luglio 2017 nasce in casa maternità Davide: parto in acqua con l’energia femminile delle mie ostetriche e quella maschile di papà Andrea e l’amico Denis.

_DSC2971-elena e pancia

Le mie Aree di competenza:

Maternità
Sessuologia
Salute femminile